MasterAir MA410M – Un dissipatore a torre RGB

MasterAir MA410M – Un dissipatore a torre RGB

Siamo tornati a parlare di dissipatori, visto che sembrano arrivare sul mercato ad ondate; ed il protagonista di oggi è il Cooler Master MasterAir MA410M. Si tratta di un dissipatore a torre come tanti altri in commercio, con due ventole da 120 mm in configurazione push-pull; ma anche con illuminazione RGB visibile da praticamente tutte le angolazioni. Logicamente il sistema LED non è l’unica caratteristica degna di nota, ma è innegabile che sia quella che spicca di più; il resto degli “extra” sono un po’ nascosti dalla mania degli ultimi anni, ma non per questo sono meno utili o da tralasciare. Sul sito del produttore è infatti notare alcune delle funzioni che sono state incluse in quello che è il design più noioso della storia per i dissipatori; ovviamente andremo con ordine e con la dovuta diligenza che tocca ad un componente così importante.

Cooler Master MasterAir MA410M – L’interessante

Togliamoci il dente: sono presenti 28 LED individuali per dare sfogo alla nostra vena creativa; ma anche per indicare la temperatura del processore grazie al sensore integrato nel coldplate in rame. I socket supportati sono davvero tanti, a partire dall’LGA 1366 per Intel ed FM1 per AMD; fino ad arrivare ovviamente ai giorni nostri con LGA 2066 ed AM4 rispettivamente. Presenti quattro heatpipes in rame da sei millimetri di diametro l’una, che passano attraverso l’intera base; sfruttando la seconda iterazione della tecnologia CDC (Continuous Direct Contact – Contatto Diretto Continuo) così da garantire un miglior contatto con il diffusore termico integrato della CPU. Il peso complessivo dell’unità ammonta a 820 grammi e per una capacità dissipante di circa 150 W; anche se mi preme specificare che si tratta di una speculazione basata su alcuni modelli simili, visto che Cooler Master non ha fornito questo dettaglio. Il MasterAir MA410M sarà disponibile a partire dalla seconda settimana di Giugno, ad un prezzo di circa 60 sterline inglesi.

COMMENTS

DISQUS: 0