Ryzen 2000 – Confermate specifiche e prezzi

Ryzen 2000 – Confermate specifiche e prezzi

Il mese scorso abbiamo messo le mani su dei leaks di Ryzen 2000, ma questa volta abbiamo informazioni di prima mano fornite direttamente da AMD. Dobbiamo ciò ad un paper launch da parte dell’azienda californiana; ovvero un lancio su carta in attesa di quello vero e proprio programmato per il 19 Aprile. Confermato il processo produttivo a dodici nanometri; mentre invece i prezzi suggeriti sono stati leggermente ritoccati verso il basso. È stato inoltre introdotto un nuovo dissipatore, il Wraith Prism incluso con il Ryzen 7 2700X da 105 W; caratterizzato comunque da un design minimale ed in grado di abbinarsi con tutte le configurazioni. Vediamo un po’ cosa c’è da aspettarsi da questa nuova linea; grazie anche al lavoro svolto dai colleghi di Windows Central.

Ryzen 2000 - Confermate specifiche e prezzi

Dissipatori Wraith Prism e Wraith Spire – Immagine cortesia di TweakTown

Ryzen 2000 – Le specifiche ed i prezzi

Contrariamente a quanto indicato nell’articolo relativo ai leaks, i prezzi suggeriti sono stati diminuiti nell’ordine di circa venti dollari americani; assolutamente nulla per cui dar di matto, ma è sempre meglio di nulla, considerando che ora il rapporto prezzo/prestazioni è ancora più marcato. Di seguito una tabella riassuntiva:

Codename
Modello
Cores/Threads
Freq. Base
Freq. Turbo
TDP
MSRP


Pinnacle Ridge
Zen+ @ 12 nm
Ryzen 7 2700 X

8/16
3.70 GHz
4.30 GHz
105 W
329 USD
Ryzen 7 2700
3.20 GHz
4.10 GHz
65 W
299 USD
Ryzen 5 2600 X

6/12
3.60 GHz
4.20 GHz
95 W
229 USD
Ryzen 5 2600
3.40 GHz
3.90 GHz
65 W
199 USD

Nello specifico, il Ryzen 7 2700X è passato da un MSRP (Manufacturer Suggested Retail Price) di 369 USD a 329 USD; mentre il Ryzen 5 2600X è diminuito dai 249 USD iniziali a 229 USD. Tutti i processori vengono venduti con incluse delle soluzioni di raffreddamento; il Wraith Stealth per il Ryzen 5 2600, il Wraith Spire RGB per il 2600X ed il 2700 ed infine il nuovo Wraith Prism per il 2700X. La segmentazione rimane la solita, quindi con sei cores e dodici threads per la famiglia Ryzen 5: e l’immancabile configurazione 8/16 per la serie Ryzen 7; questa volta tutti in grado di andare oltre la fatidica soglia dei 4 GHz, limite per la quasi totalità dei chip di prima generazione.

Ovviamente mantengono la compatibilità con le schede madri già in commercio e fanno parte del lancio anche le nuove schede madri con chipset 400; ma di questo parleremo in un articolo separato che troverete a questo link.

Che ne pensate di questa serie Ryzen 2000? Eravate in attesa di vedere l’evoluzione dell’architettura Zen oppure pensate sia una forzatura? Fateci sapere nei commenti!

COMMENTS

DISQUS: 0