BIOS della scheda madre, come aggiornalo e perché farlo?

BIOS della scheda madre, come aggiornalo e perché farlo?

Aggiornare il BIOS della scheda madre non è tanto diverso da aggiornare un software (sistema operativo o applicazione), tranne che non dovessimo andare ad aggiornare un software facilmente ripristinabile in caso di errore; ma un hardware (componente fisico) che non è cosi facile ripristinare in caso di errore, e di questo ne parleremo più avanti.

Cos è il BIOS e dove si trova?

BIOS della scheda madre, come aggiornalo e perché farlo?Il BIOS (Basic Input-Output System) è il primo codice che viene caricato da un computer quando viene acceso, e risiede all’interno di un chip (denominato CMOS: “Complementary Metal Oxide Semiconductor“) posto sulla scheda madre.

Il compito principale del BIOS è quello di sequenziare la fase di pre-avvio del PC (praticamente è la schermata nera che appare all’inizio, dove ci sono scritte bianche che compaiono veloci) in cui vengono riconosciute e configurate tutte le componenti e/o periferiche hardware (RAM, CPU, ecc).

Tale insieme di dati è denominato ESCD (Extended System Configuration Data) ed è in genere archiviato in una memoria non volatile aggiuntiva chiamata NVRAM (Non-Volatile Random Access Memory).

Dopo questa fase si passa al caricamento del bootloader: che è la procedura di ricerca e avvio del sistema operativo.

L’evoluzione del BIOS

Nei computer più recenti (da Windows 8 in poi, circa nel 2012) il classico BIOS che siamo abituati a conoscere è stato sostituito da un nuovo BIOS con interfaccia grafica detto UEFI (Unified Extensible Firmware Interface).

BIOS della scheda madre, come aggiornalo e perché farlo?L’UEFI ha reso più semplice la gestione del PC grazie non solo all‘interfaccia grafica ma anche alle varie funzionalità che sono state aggiunte come i tool per aggiornare il bios che vedremo più avanti. Inoltre va a sostituire lo standard MBR e con lo standard GPT, dove si può partizionare il disco con sole partizioni primarie senza più la necessità di partizioni estese e logiche.

In un certo senso, l’UEFI si può considerare un piccolo sistema operativo dedicato a presiedere tutte quelle operazioni che intercorrono fra l’accensione fisica della macchina e il lancio del sistema operativo vero e proprio, superando però tutte le problematiche emerse negli anni con i vecchi BIOS.

Come tale infatti, è in grado di far girare applicazioni di alto livello scritte attraverso strumenti di programmazione standard (linguaggio C++).

Perchè aggiornare il BIOS?

L’aggiornamento del BIOS è molto importante visto che da esso dipende l’intero computer. Andando nel dettaglio i principali motivi per aggiornare il BIOS sono: aumento della compatibilità con altri componenti (hardware, firmware, driver e software), patch sulla sicurezza, miglioramenti delle funzionalità, ecc.

BIOS della scheda madre, come aggiornalo e perché farlo?Un esempio di ciò l’abbiamo visto con l’uscita dei nuovi Ryzen (potete rileggere articolo qui), che sono compatibili con le schede madri esistenti ma per farli riconoscere hanno bisogno di un aggiornamento del BIOS.

NB: Per fortuna AMD è venuta incontro ai suoi utenti rilasciando il Boot Kit (per sapere di cosa si tratta leggete qui) che permette agli utenti non in possesso di CPU compatibili di aggiornare il BIOS in modo da renderlo compatibile con i nuovi Ryzen.

A differenza degli aggiornamenti di Windows e del programma antivirus che sono solitamente automatici, il BIOS deve essere aggiornato manualmente.

Ci sono rischi per aggiornare il BIOS?

La risposta è si, ma solo se la procedura di aggiornamento non è andata a buon fine o nei rari casi in cui lo stesso aggiornamento del BIOS conteneva un bug.

Infatti il processo di aggiornamento del BIOS deve essere svolto con molta cautela. Un update sbagliato o interrotto bruscamente a causa di un malfunzionamento, potrebbe causare danni di notevole importanza, arrivando a rendere inutilizzabile la vostra piattaforma.

Per evitare ciò si consiglia:

  1. Diffidare da qualsiasi tool esterno, non del produttore, che promette di aggiornare il BIOS automaticamente perché non garantisce alcun successo della procedura;
  2. Evitare di aggiornare il BIOS quando c’è brutto tempo o problemi con la rete elettrica, per evitare sbalzi elettrici che potrebbero far staccare la luce;
  3. Assicuratevi di scaricare la versione del BIOS corretta per la vostra scheda madre;
  4. Assicuratevi di procurarvi il BIOS da una fonte attendibile;
  5. Utilizzate una pendrive stabile e funzionante per copiare il BIOS;
  6. Evita di aggiornare il BIOS se non sai esattamente cosa stai facendo.

Come aggiornare il BIOS

Esistono tre diversi sistemi per l’aggiornamento del BIOS. Andiamo a scoprirli uno per uno.

  1. Tramite utility integrata nella Flash ROM. Con questa Utility potete flashare il BIOS senza la necessità di usare Windows o i comandi DOS (scelta consigliata se siete utenti poco esperti);
  2. Un’utility di update funzionante in ambiente Windows, ti consente di eseguire il flash del Bios direttamente dal s.o. (scelta sconsigliata visto che un errore di sistema potrebbe compromettere l’aggiornamento);
  3. Tool di aggiornamento tramite internet utile solo se l’utente non è in grado di scaricare il BIOS da solo (molto rischioso visto l’ulteriore incognita “la connessione”);
  4. Flash tramite DOS: Con questa procedura potete flashare sia i BIOS AMI (“American Megatrends”) che AWARD (scelta consigliata per utenti esperti);

Per poter avviare una di queste procedure dobbiamo prima recarci nel BIOS e per farlo non ci resta che avviare il computer e premere Canc.

BIOS della scheda madre, come aggiornalo e perché farlo?NB: La maggior parte delle schede madri chiede di premere Canc, ma ci sono altri modelli che chiedono ad esempio di premere F11 o F2. Per essere sicuri di quale pulsante dovete premere leggete il manuale di istruzione della vostra scheda madre che potete trovare anche nel sito del produttore.

Fatto ciò dovete cercare la sezione tool e poi utilizzate uno dei metodi visti sopra per aggiornare il BIOS della vostra scheda madre.

Ma prima di avviare l’aggiornamento assicuratevi di averlo scaricato correttamente su una pendrive.

NB: Per essere sicuri di avere la versione giusta, vi consiglio di recarvi sul sito del produttore e cercate il modello preciso della vostra scheda madre, dopo di che, andate nella sezione download e verificate la versione del BIOS che è stata rilasciata, se coincide con quella che avete.

Come verificare la propria versione del BIOS

Prima di procedere con l’aggiornamento consigliamo anche di verificare quale versione è già installata nella scheda madre; per farlo abbiamo 2 possibilità:

  1. Accedere al BIOS e nella pagina principale o nella sezione informazioni andare a guardare la versione installata;
  2. Utilizzare programmi come CPU-Z o Speccy che ci indicano non solo il produttore ma anche la versione corrente del BIOS

Nel caso avete problemi durante la procedura o volete fare una domanda lasciate pure un commento.

COMMENTS

DISQUS: 0