Multicore gaming – Intel ha finalmente capito

Multicore gaming – Intel ha finalmente capito

Purtroppo: vuoi per mancanza di competitività da parte di AMD, vuoi per posizione dominante da parte di Intel; siamo stati bloccati con i soliti quad core per quasi un decennio, ma grazie a Ryzen il trend sta cambiando, e addirittura pare lo stia capendo anche Intel stessa (ma non prima di aver dato di matto). Il tanto atteso cambio di rotta è arrivato al GDC (Game Developers Conference) di quest’anno, attraverso i colleghi di ComputerBase; che ringrazio anche per l’immagine utilizzata per la copertina. L’era del multicore gaming sembra sia finalmente arrivata: non dovremmo vedere più giochi accanirsi su un solo core pur avendone una valanga a disposizione.

Multicore gaming - Intel ha finalmente capito

Steam Hardware Survey – Immagine cortesia di ComputerBase

Multicore gaming – Intel ci è finalmente arrivata?

La stragrande maggioranza dei sistemi ha al momento una CPU con quattro cores fisici; un po’ per colpa della stagnazione ed un po’ per l’apertura della Steam Hardware Survey al mercato cinese: non è da escludere infatti che la stessa macchina sia stata censita più volte in luoghi come gli internet café. Il problema di base da sormontare, così da poter sfruttare quanti più cores possibili, consiste nella struttura stessa dei motori di gioco; purtroppo sono ancora tantissimi i titoli che dipendono da un singolo core piuttosto che dall’intera CPU (vedi ARMA 3 fra tutti), e questo limita l’adozione di processori più capaci. Non essendosi mai creata prima la necessità di parallelizzare le operazioni, ed al momento il miglioramento nell’esperienza si ferma a quota sei cores; eliminando del tutto ulteriori possibili guadagni nel caso fossero presenti altri nuclei, che ovviamente rimangono a girarsi i pollici senza far nulla.

Fortunatamente il mercato grazie ad AMD si sta evolvendo verso più cores, con Intel che a breve seguirà a ruota; costringendo finalmente gli sviluppatori verso uno sviluppo più ponderato. Dall’altro lato, sfortunatamente non è possibile dare una data esatta per tali implementazioni, e comunque rimane tutto in mano agli sviluppatori.

COMMENTS

DISQUS: 0