ShotCut – Programma open source di video editing

ShotCut – Programma open source di video editing

ShotCut, come visto un paio di articoli fa, quando abbiamo parlato delle alternative alla suite Adobe, è un programma open source di video editing che offre un set di funzionalità complete ed inoltre è in grado di supportare risoluzioni fino al 4K.

Tramite un’interfaccia ben disegnata, controlli avanzati per video e audio, effetti, timeline con editing multi traccia ed esportazione personalizzata con diversi profili predefiniti; ne fanno sicuramente una valida alternativa ad altri software ben più blasonati e cari.

Inoltre, grazie anche alle librerie FFmpeg che supportano centinaia di formati, ed alla possibilità di installare ShotCut su sistemi operativi Windows, Mac OS e Linux il software inizia ad essere sempre più interessante.

Ora che abbiamo riepilogato cosa è ShotCut, possiamo iniziare a spiegare come utilizzare questo software (dando per scontata un’infarinatura di video editing e che si abbia familiarità con i concetti di timeline, tracce video ed audio, anteprima et similia).

ShotCut - Programma open source di video editing

ShotCut – I fondamentali

Come potete vedere dalla foto l’interfaccia è ben disegnata, e si basa su una grafica minimale: mostrando all’utente la sola barra dei menu e la barra degli strumenti posta al di sotto.
Cliccando su di esse possiamo aprire i sotto menu con le relative funzioni, e possiamo chiuderli dalla crocetta posta in alto a destra nel sotto menu stesso. Il mio consiglio è di lasciare aperto il menu della Timeline e l’elenco di riproduzione (come potete vedere nella foto sottostante) in modo da rendere più agevole l’utilizzo.ShotCut - Programma open source di video editing

Adesso proviamo ad importare delle clip video utilizzando il pulsante Apri > File; oppure trascinando il video dentro la finestra del programma (drag&drop) ed il gioco è fatto.

Ora che abbiamo le nostre clip video, iniziamo a posizionarle sulla timeline sempre tramite il drag&drop nell’ordine che desideriamo. Non c’è da preoccuparsi per la sovrapposizione di più clip video, in quanto il programma, grazie alla funzione calamita, ci aiuta a posizionare le clip video evitando di sovrapporle; e per attivarla basta cliccare sull’icona a forma di calamita nella timeline.

Nel caso in cui volessimo sovrapporle il programma non ci impedisce di farlo, anzi, ci aiuta ulteriormente applicando una transizione sfumata alle due clip video.

ShotCut – L’utilizzo della timeline

ShotCut - Programma open source di video editing

A questo punto, possiamo iniziare a giocare con la timeline dividendo le clip video, fare copia-incolla, aggiungerne altre; ma anche attivare o disattivare l’audio, aumentare o ridurre lo zoom per visualizzare meglio le clip video, e chi più ne ha più ne metta.

Ora che abbiamo la nostra timeline pronta, non ci resta che decidere se utilizzare l’audio delle clip video o disattivarlo ed aggiungere una traccia audio separata.

ShotCut - Programma open source di video editing

Per cambiare l’audio, bisogna andare nell’elenco di riproduzione ed aggiungere la traccia audio desiderata come già visto per le clip video.

A questo punto torniamo alla timeline e, cliccando sulle tre lineette che si sono attivate, possiamo aggiungere la traccia audio al nostro progetto. Nel caso in cui la traccia audio risulti più lunga del video (o più corta), possiamo usare i comandi taglia/copia/incolla per risolvere il problema, oppure inserire un’altra traccia audio per compensare i minuti o secondi che mancano alla fine del video.

ShotCut - Programma open source di video editing

Ora che abbiamo posizionato le clip video e la traccia audio, possiamo personalizzare ulteriormente il nostro video aggiungendo dei filtri; con modifiche che si applicano alla singola clip o a tutta la traccia, come ad esempio effetti di transizione, grazie all’apposito menu.

Per farlo, non rimane che selezionare l’intera traccia o clip desiderata sulla timeline, utilizzando il puntatore del mouse e facendo diventare la clip con i bordi rossi.

ShotCut – Applicare filtri e modifiche al video

A questo punto, clicchiamo sul menu filtri in modo da aprire il suo sotto menu; quindi sul + posto in basso a sinistra per visualizzare tutti i filtri disponibili. Inoltre, troviamo altri tre pulsanti che ci permettono di agevolare la selezione del filtro desiderato (preferiti, tutti i filtri video, tutti i filtri audio).

ShotCut - Programma open source di video editing

In merito all’utilizzo dei filtri io consiglio di restare molto sul semplice, ed usarli soltanto per creare determinati effetti del video; o correggere problemi post ripresa come ad esempio la luminosità.

Detto ciò, andiamo a vedere i filtri più utilizzati che sono:

  1. Luminosità: Selezioniamo la clip o traccia desiderata, quindi clicchiamo sul filtro Luminosità per aprire il menu dove possiamo inserire il valore di luminosità ideale. Dopo averlo impostato, possiamo chiudere dalla crocetta posta in alto a destra del nostro menu.
  2. Modificare il livello audio (guadagno/gain): Selezioniamo la traccia audio e sempre dal menu filtro clicchiamo sul filtro audio (Guadagno/Volume audio). Non appena selezionato il filtro, comparirà la barra per impostare il volume e possiamo sia aumentarlo che abbassarlo.
  3. Inserire un sottotitolo: Questo programma imposta i sottotitoli sotto forma di filtri cliccando sul filtro testo. Non appena selezionato il filtro, comparirà il widget dei controlli per impostare il testo e tutte le sue caratteristiche.
  4. Correzione del colore del video: Selezioniamo in questo caso tutta una traccia video, e come per gli altri casi; attiviamo l’apposito filtro Correzione del colore. Una volta selezionato il filtro, vedremo tutti gli strumenti per operare la correzione del colore.

ShotCut – L’esportazione finale del video

ShotCut - Programma open source di video editing

Fatto ciò il nostro video è pronto per essere esportato grazie all’apposito tasto, il quale ci aprirà il pannello di esportazione; da dove dobbiamo impostare i parametri che dovrà avere il video finale.

Il mio consiglio è quello di utilizzare i parametri che vedete nella foto a fianco; quindi cliccate su “Esporta file” e dopo una fase di elaborazione il nostro video è pronto.

PS: La fase di elaborazione (rendering) può durare anche diverso tempo, dipende tutto dalle dimensioni delle clip video, dalle dimensioni del progetto e dalle prestazioni del computer.

Lasciate un commento per dirci la vostra impressione o per segnalarci i problemi che avete riscontrato nella realizzazione del vostro video.

COMMENTS

DISQUS: 0