Configurazione PC Gaming ed editing leggero da 1000 € – Maggio 2017

Rieccoci con un’altra delle nostre configurazioni PC mirate a spremere quante più performance possibili dal nostro budget, che in questo caso è di 1000 €, per poter avere un buon PC da gaming capace anche di essere un coltellino svizzero nel caso dovessimo aver bisogno di una macchina in grado di far lavori di grafica ed editing video; adatto ad esempio a chi vorrebbe avviare un canale YouTube. Ma bando alle ciance e lanciamoci direttamente all’analisi dei componenti, il relativo prezzo ed i motivi che mi hanno portato a fare queste scelte!

SCHEDA MADRE : ASUS PRIME B350M-A

La scelta della scheda madre ricade su una ASUS con chipset B350 e fattore di forma Micro-ATX (maggiori informazioni sui fattori di forma qui), con il quale perdiamo il supporto a configurazioni multi GPU ma senza andare ad intaccare ulteriormente le prestazioni lì dove contano; come ad esempio nell’overclocking e nel supporto ad un quantitativo elevato di RAM. Presenti quattro slot di RAM DDR4 con supporto per velocità fino ai 3’200 MHz e 64 GB di capacità complessiva, oltre che ad uno slot M.2. Utile menzionare anche il supporto per CPU basate su architettura Zen con TDP di 95 W, tenendo quindi una porta aperta all’aggiornamento del componente alla fascia superiore se dovesse sorgere la necessità.

PREZZO : 83.81 €

PROCESSORE : AMD Ryzen 5 1600

Il processore scelto fa parte della serie 5 della linea Ryzen, ed il 1600 scelto con i suoi sei cores e dodici threads sarà un mulo da soma sia durante le sessioni di gioco che nel caso avessimo necessità di svolgere dei carichi di lavoro più pesanti; come appunto il foto/video editing ed eventualmente anche effettuare streaming delle nostre giocate. Le frequenze di base ed in turbo sono rispettivamente di 3.20 GHz e 3.60 GHz che, unite al moltiplicatore sbloccato ed un TDP di 65 W permettono overclock moderati intorno ai 3.80 GHz anche con l’utilizzo del dissipatore Wraith Spire incluso. Non c’è Core i5 che tenga, specialmente a questo prezzo.

PREZZO : 227.42 €

RAM : Corsair Vengeance LPX 2x 4GB DDR4-3200

La scelta qui è stata dettata da numerosi fattori: primo fra tutti il budget di questa configurazione, ed in secondo luogo il target verso cui si propone tale lista di componenti. Può sembrare strano andare a comporre 8 GB di memoria su due banchi, ma avendo a disposizione altri due slot sulla scheda madre un upgrade futuro non è un problema insormontabile. Le nuove CPU di AMD amano la memoria RAM a velocità quanto più elevate possibili ed in dual channel, ed ecco quindi svelato l’arcano per questo kit a 3’200 MHz. Se voleste installare dei moduli aggiuntivi prestate estrema attenzione alla frequenza della RAM, in quanto il sistema si andrà ad adeguare a quella del banco più lento.

PREZZO : 85.93 €


SCHEDA VIDEO : Gigabyte Radeon RX 580 Gaming 8G

Questa non è stata una scelta particolarmente difficile, in quanto questa Radeon RX 580 interpretata da Gigabyte accompagnata da 8 GB GDDR5, sarà in grado di far funzionare praticamente qualsiasi titolo alla risoluzione 1080p e, con qualche piccolo aggiustamento, anche in 1440p. La soluzione di raffreddamento è la consolidata Windforce con due ventole da 90 mm con modalità 0 dB; inoltre è previsto un solo connettore PCI-E ad 8 pin. Il crescente supporto sia da parte di Radeon che dagli sviluppatori, e la nativa migliore interazione con le API di nuova generazione fanno sì che nella sua fascia difficilmente si possano trovare alternative altrettanto valide.

PREZZO : 269.00 €

M.2 SSD : Samsung 850 EVO M.2 SATA 250 GB

È presente uno slot M.2 sulla scheda madre, quindi perché non sfruttarlo? Ho deciso di andare abbastanza sul sicuro con il conosciutissimo Samsung 850 EVO da 250 GB. Già sento chi suggerisce di passare al nuovo 950 / 960, ma sfortunatamente i nuovi modelli tendono a scaldare molto e, a livello di prestazioni, ne risentono, buttando al vento tutta la velocità che ci fa scegliere lo storage a stato solido. Unica pecca? Il circuito stampato in quel verde molto anni ’80.

PREZZO : 101.77 €


HARD DISK : Seagate Barracuda 7’200 RPM 2 TB

Per ovvi motivi non possiamo accontentarci di soli 250 GB in una configurazione dedicata quasi esclusivamente al gaming, figurarsi se possiamo farlo nel caso in cui vogliamo muovere i primi passi nel content creation. Seagate ci viene incontro con l’unità Barracuda nel taglio da 2 TB e 7’200 rotazioni al minuto, un’unità davvero molto solida che ci permetterà di installare i nostri giochi così come le clip da modificare.


PREZZO : 84.99 €


ALIMENTATORE : COUGAR GX-S 550 W 80+ Gold

Trattandosi di un componente critico, nuovamente la scelta dell’alimentatore è ricaduta in base al wattaggio totale necessario ed un buon livello di efficienza secondo i livelli dello standard 80 Plus. Questo GX-S 550 W marchiato Cougar risulta certificato ad un livello di efficienza 80+ Gold ed è equipaggiato con tutti i connettori di cui potremmo disporre nel nostro sistema. Il modello indicato eroga ben 45.9 A sulla linea dei 12 V ed inoltre tutti i cavi sono neri e coperti da un passacavo dal principio fino alla fine; dopotutto anche l’occhio vuole la sua parte, specialmente dopo quell’SSD.

PREZZO : 78.85 €

CASE : Corsair Carbide 270R

Sappiamo già che il case è una scelta soggettiva in quanto l’estetica non è un parametro universale, ma in quanto a pulizia nel design il Corsair Carbide 270R è decisamente fra i primi della lista. Con ben otto anni di esperienza soltanto nella costruzione di case, Corsair sa il fatto suo ed equipaggia questa unità con una finestra laterale, due ventole da 120 mm incluse (una delle quali a LED rossi perfettamente in tema), filtri antipolvere per il pannello frontale e l’alimentatore, ed anche il pannello di input/output frontale rispetta lo standard de facto con due porte USB 3.0, due jack audio da 3.5 mm oltre ai pulsanti di accensione e reset.

PREZZO : 69.33 €

I componenti di cui sopra portano ad un totale finale di 1001.10 € (prezzi al momento della redazione del presente articolo), quindi appena al di fuori del budget, ma con le dovute libertà di modifica dei componenti nel caso qualcosa non dovesse essere di vostro gradimento, voleste incrementare le potenzialità di questa macchina o nel caso in cui abbiate qualche componente già in casa.

Un esempio delle modifiche potrebbe riguardare ad esempio il case, andando ad optare per un modello differente con un prezzo altrettanto differente, oppure diminuire la capacità dell’hard disk ad 1 TB; od ancora cambiare la configurazione della memoria RAM senza tuttavia scendere al di sotto dei 3’000 MHz, visto che alla fin fine l’unico limite nell’assemblaggio di un computer è posto semplicemente dalla fantasia (oltre che dalla compatibilità).

Per chiarimenti, delucidazioni o suggerimenti lasciateci un commento qua sotto.

COMMENTS

DISQUS: 0