Come proteggere la propria auto con lo smartphone

Proteggere la propria auto da smartphone? Sembrerebbe essere alla nostra portata

Durante il DIA (Digital Insurance Agenda), evento tenutosi lo scorso 10-11 maggio ad Amsterdam, infatti l’agenzia Assicurativa AXA Italia in collaborazione con la startup di Vigevano ha presentato un’app per smartphone in grado di cambiare il nostro concetto di sicurezza della nostra automobile.

Prima di vedere le funzione di questa applicazione, parliamo un attimo dei suoi sviluppatori e di com’è nato questo progetto.

Il progetto Air è nato a Vigevano nel 2014, per risolvere i disagi che lamentavano gli utenti nel mercato assicurativo e non solo, infatti grazie ad esso si è in grado di monitorare il proprio veicolo ed offrire un assistenza mirata, grazie anche alla collaborazione con AXA Italia.

Secondo Igor Valandro (ideatore del progetto): “La nostra mission è creare un’intera gamma di prodotti che abbiano valore non solo per il cliente ma che siano un beneficio per l’intera comunità, grazie alla possibilità di far lavorare diverse parti sulla nostra piattaforma”.

Andando all’applicazione essa è in grado di collegarsi al nostro veicolo grazie ad una specie di scatola nera collocata nel sistema elettronico nel nostro autoveicolo.

Grazie ad essa Air è in grado di fornire un monitoraggio continuo e tramite servizio cloud (Car Beat) si possono elaborare le informazioni in tempo reale. Il servizio di protezione detto Heart Beat e il sensore GPS integrato (Geo Beat) possiamo proteggere la nostra auto in caso di furti e rivelare con facilità la sua posizione. Inoltre Heart Beat è in grado di riconoscere tentativi di occultamento del segnale (jamming), e chiamare immediatamente la centrale operativa e, se necessario, le forze dell’ordine.

Ma le qualità che Air offre non si limitano al solo campo della sicurezza. Infatti grazie alle informazioni ottenute con Car Beat possiamo tener d’occhio i consumi e l’impatto ambiatele dei gas di scarico, grazie al Eco Report e Trip Teport (percorsi, durata, ecc..).

Per quanto riguarda il servizio assistenza tramite la funzione Crash Guard possiamo contattare la centrale operativa, in modo semplice e veloce.

Queste funzioni sono molto utili e ci fanno capire come si stia evolvendo il mondo delle auto, in futuro non lontano a mio avviso potremmo vedere in vendita le prime automobili in grado di guidarsi da sole. Infatti negli ultimi 2 anni sono nati diversi prototipi di automobili in grado di autoguidarsi come ad esempio la Google Car e la Chevy di Chevrolet per citare alcuni nomi noti.

Secondo voi sarà un bene o un male queste nuove funzioni? fateci sapere cosa ne pensate con un commento

COMMENTS

DISQUS: 0