Gimp: Tutorial su come realizzare l’ effetto fiamma

 In questo tutorial di Gimp vedremo come realizzare l’effetto fiamma su una foto.

Per prima cosa scegliamo la foto che vorremmo modificare, per comodità userò un’ immagine di Angelina Jolie perché ha uno sfondo uniforme e di conseguenza è più semplice da scontornare.

Ora che abbiamo aperto la nostra immagine utilizzando gli strumenti visti in precedenza, selezioniamo il personaggio in modo da eliminare lo sfondo, come vediamo in foto:

Consiglio per ottenere un risultato perfetto di utilizzare lo strumento “Tracciato” (quello a forma di penna stilografica), che si trova nella seconda riga a sinistra. Fatto questo, realizziamo un nuovo sfondo di colore nero e posizioniamolo sotto la foto di Angelina Jolie (come in foto).

La nostra base per realizzare l’effetto fiamma è pronta. Adesso possiamo passare all’effetto fiamma vero è proprio, utilizzando lo strumento “Fuzzy” (bacchetta magica) selezioniamo di nuovo Angelina Jolie; in questo caso non è più necessario usare lo strumento tracciato avendo l’immagine già scontornata. Eliminiamo le possibili imperfezioni evidenziate dallo sfondo nero.

A questo punto usando la tavolozza dei colori (l’icona quadrata nera e bianca sulla sinistra) scegliamo un colore sull’arancio (vi consiglio per comodità il Codice Colore: “#ff7200”).

Ora utilizzando il menù livelli andiamo nella sezione “Trasparenza” e poi clicchiamo su “Alfa a Selezione” in modo da realizzare una selezione della nostra immagine scontornata: a questo punto andiamo nel menù Selezione e impostiamo “Riduci a 5 pixel” e poi “Sfuma a 20 pixel”.

Dopo aver impostato questi parametri, creiamo un livello trasparente e riempiamolo del colore impostato prima cioè “#ff7200”. Adesso eliminiamo la selezione e torniamo nel livello del personaggio e dal menù “Livelli – Trasparenza – Alfa a selezione” per riapplicare la selezione, poi dal menù Selezione – “Inverti”, andiamo nel livello arancione e premiamo su “Canc” per eliminare il superfluo (come da figura).

Per rendere l’effetto più accattivante realizziamo un ombra dietro il nostro personaggio tramite il comando “Filtri – Luce e ombre – Proietta ombra” e usiamo opacità 100%: scegliamo poi un colore, come ad esempio “#ff6000”, basterà premere sul riquadro nero della finestra appena aperta.

Per creare l’effetto che vediamo in foto basta duplicare il livello del personaggio e poi con lo strumento “Scala” (cliccare prima sull’icona a forma di catena), ingrandiamo l’immagine in modo da far risaltare il viso (diamo come valore 150%).

Ora spostiamo leggermente il livello appena creato e riduciamo l’opacità, in modo da rendere meno visibile il livello (circa 50%).

Adesso utilizzando lo strumento selezione circolare, creiamo un cerchio e sempre con l’ausilio del menù seleziona diamo “Sfuma a 45px” e “Inverti selezione”, poi premiamo su “Canc” della tastiera per eliminare il superfluo.

Per dare il colore blu, basta andare sul menù Colore ed clicchiamo sulla voce colora e ok (senza modificare niente).

Adesso cerchiamo su Internet un immagine di un falò sulla spiaggia di notte, come ad esempio questa foto.

Apriamo la nostra foto del falò come livello (File – apri come livelli…) ed utilizzando il menù “Livelli – Trasparenza – Colore ad alfa”, selezioniamo il colore da eliminare in questo caso il nero (in modo di tenere solo il fuoco). Ricordiamoci di aggiungere il canale alfa prima di fare tutto questo. Poi duplichiamo 3 volte le fiamme e posizioniamole a piacere sull’immagine.

Possiamo applicare un ulteriore bagliore dolce in modo da rafforzare la brillantezza del personaggio. Basterà duplicare il personaggio ed applicare alla copia un “Filtro – Sfocatura – Gaussiana” con valore 40 pixel. Poi modifichiamo la modalità da normale a sovrapposto e il gioco è fatto.

Per evitare di perdere qualità salvate in Png (se vogliamo possiamo inserire altri elementi di decoro come scritte o cornici come vedremo nei prossimi tutorial).

Se la nostra guida vi è piaciuta, lasciate un commento e fateci sapere se avete riscontrato problemi nella realizzazione.

COMMENTS

DISQUS: 0